Spuritiamo sul mondo

Oggi Ferrara riunisce in un teatro milanese i sostenitori del Premier dagli attacchi moralisti della magistratura. In un paese normale questa frase non avrebbe alcun senso. Da noi invece si.

Ma se il fatto “in sé” non mi scandalizza per niente, visto che è normale organizzare manifestazioni a sostegno o contro qualcuno o qualcosa; mi schifa la motivazione per cui si raggruppano sostenitori (pagati?!?) del premier.

Già l’idea di mettere insieme persone che protestano contro la magistratura è follia pura; se poi si pensa che lo fanno perchè ritengono i nostri giudici dei bacchettoni integralisti, allora si capisce bene quanto questa situazione sia irreale.

La nostra giustizia sarà lenta e macchinosa, necessiterà di riforme e di revisioni. Senza dubbio. Ma sostenere che sia una sorta di guardiana dell’integrità morale del paese è una cazzata di proporzioni bibliche.

Prima di tutto nessuno ha indagato nessuno perchè se la faceva con le minorenni. Tutto è iniziato perche questo signore (che fa il primo ministro) avrebbe istigato alla prostituzione delle ragazze minorenni. Che è un reato, grave e penalmente perseguibile.

Certo è che essendo obbligatoria l’azione penale, i giudici inquisitori non potevano fare finta di niente, altrimenti sarebbero stati manchevoli verso la loro funzione pubblica!

Ma sorvoliamo su tutto il discorso della magistratura e vediamo come si possa, con una faccia come il culo, riuscire a ribaltare la moralità sempre a proprio vantaggio. Il nostro amico Ferrara nel 2008 si presento con una lista moralizzatrice contro l’aborto che, nella sua battaglia di scopo, prese lo zerovirgolaqualcosa.

Forse in quell’occasione Ferrara capì che l’Italia è un paese moralista solo di facciata? E che bastava il segreto dell’urna per trasformare i bigottoni italiani in gente aperta di testa e di spirito?

Possibile, ma improbabile. Penso piuttosto che il caimano voglia spostare i suoi problemi dal piano politico e giudiziario a quello morale, per poi giocare sulla carta del falso moralismo dell’opposizione. Ricordando che per Silvio è opposizione tutto ciò che non è dalla sua parte, quindi giornali, magistratura, partiti sono tutti della stessa razza!

Purtroppo per lui però stavolta ovunque cerca di andare a parare si troverà chiuso in un angolo; infatti politicamente non sarà molto vantaggioso essere leader del partito conservatore e andare a mignotte minorenni, moralmente la chiesa lo ha già scaricato da tempo e giudiziariamente sta per finire sotto 4 processi.

Pensando che 3 anni fa quest’uomo aveva la maggioranza più ampia della storia repubblicana, che avrebbe avuto la strada spianata per questa legislatura per poi andare al Quirinale e che ora invece ha pochi voti di scarto alla Camera e nessuno nelle commissioni, non si può che concludere come il vero problema della democrazia in Italia sia proprio lui.

E’ inutile girarci intorno. Mignotte, ballerine, igeniste dentali, nani e giocolieri non serviranno per risollevare il paese o per far galleggiare il Caimano. Il berlusconismo è la vera antipolitica ed definire questa battaglia una lotta morale è riduttivo oltre che offensivo, non si tratta di giudizi etici, ma di un giudizio politico che diventerà una sentenza storica!

Tutto sempre nell’attesa delle sentenze giudiziarie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...