Bersani’s Connection

Ieri Bersani mi ha convinto. Ha gettato le basi per un progetto lungo che, ahimè, non regge se non con le elezioni nel 2013. Io avrei preferito prima, giustiziando Monti e riprendendo il timone del paese, ma non si può avere sempre tutto. Il progetto bersaniano è,finalmente, qualcosa con un capo ed una coda. Un embrione che, speriamo, darà nel giro di un anno un frutto maturo ed un governo di centrosinista a questo paese.

Il punto di partenza mi pare molto azzeccato; infatti si parla di “scollamento” tra individui e società e di “faglia” che si è creata nel mezzo che dovrebbe trasformare i primi nella seconda, cioè nella politica. Il colpevole di tale rottura Bersani lo individua nell’attuale legge elettorale (Porcellum). Un’analisi giusta, ma forse incompleta. Non si può certo dimenticare come le varie storielle di euro spariti, incarichi riciclati, enti salvati e dirigenti sovrappagati siano state manna per gonfiare il mal di pancia di molti, troppi, cittadini.

Quindi prima del punto uno del discorso del segretario inserirei il punto zero: “Rivedere il sistema di finanziamento pubblico di partiti, giornali e fondazioni, tagliare e accorpare enti e competenze, valutare i meriti dei dirigenti pubblici e, perchè no, istituire il tetto salariale per i manager pubblici legandolo allo stipendio dell’operaio/impiegato come ha fatto Hollande”.

Poi si, si può parlare di come scegliamo i nostri rappresentanti parlamentari. Io l’ho detto in tempi molto remoti che i collegi tagliano molti problemi odierni. E sono molto felice che Bersani lo abbia proposto come una scelta di campo del PD. Si, è vero, si creano problemi di governabilità e di proporzionalità tra eletti e votanti se i collegi non sono omogenei, ma si guadagna enormemente in vicinanza e rappresentanza dei propri eletti. Chi sa chi sono i proprio deputati o senatori? E chi li ha mai visti? Il collegio garantisce di poter conoscere e valutare i candidati prima e gli eletti in seguito.

In più, per arginare il trasformismo, proporrei di istituire l’obbligo di presentarsi nello stesso collegio in cui si è eletti. Cosi, nel caso di cambio casacca, la gente potrà esprimersi con un voto e quindi, scommetto, molti passaggi saranno evitati! E per evitare situazioni di “pareggio” o ingovernabilità studierei un premio di maggioranza da assegnare alla lista o coalizione vincitrice con gli eletti da ripescare tra i migliori perdenti. Bersani parla di doppio turno. Che polarizzerebbe tutti i partiti e i voti. Forse non è una cattiva idea.

Il secondo e terzo punto del segretario sono concatenati. Infatti sono quasi emozionato dal pensare che, nonostante tutto, ancora si riesca ad immaginare un’alleanza di progressisti e che ci si metta in gioco a tutto tondo scendendo dal piedistallo più alto.

Infatti l’appello di Vendola e di Di Pietro sull’accordo da trovare “ora o mai più” suonava veramente macabro, perchè era così sgonfio di contenuti e pieno di angoscia che sembrava un grido di aiuto da chi sa benissimo che senza il PD resta marginale o comunque di non-governo.

Sono contento che Bersani abbia alzato il tiro, accettando di costruire questa casa insieme, stilando un programma e aprendosi ad associazioni, amministratori, liste civiche etc etc. Sono contento perchè è una scelta di sinistra e non mi pare sia una scelta dettata dal “non si può fare altrimenti”. Ora tocca agli altri dire cosa vogliono fare! Ed io spero che siano della nostra partita!

Ultimo punto le primarie. Anche qua grande gesto di coraggio di Bersani che dopo aver aperto a tutti e su tutto, apre anche la competizione interna. Che non deve essere un modo per avere vendette. Ma che deve portare freschezza e novità dentro e fuori il partito. Primarie aperte dunque, primarie di coalizione probabilmente. Ma senza un candidato PD unico, almeno si crede. Intanto però un candidato c’è ed è proprio Bersani. Ora tocca agli altri trovarsi lo spazio, le idee e le proposte per potersi candidare contro questo leader qua.

E, secondo me, l’età anagrafica e basta non può essere una pregiudiziale per dare contro a qualcuno!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...