Dialogo immaginario tra pentastellati

EntDemocrazia Direttariamo nella settimana dell’inaugurazione della nuova legislatura e, forse per la prima volta nella storia, ci arriviamo completamente a fari spenti. Di sicuro non ci aiuta sapere che i pentastellati stanno seguendo la filosofia: “Muoia Sansone e tutti i filistei”.

Mi rincuora solo sapere che le promesse di apertura totale verso il proprio elettorato siano durate solo due settimane, vuol dire che anche loro si trovano in difficoltà a far coincidere il volere di otto milioni di elettori con quello di un centinaio di parlamentari. Soprattutto ora che Grillo e Casaleggio hanno annunciato che se verrà fatta un’alleanza di qualsiasi tipo loro si ritireranno dal movimento e dalla politica.

Immagino i poveri cittadini eletti catapultati a Montecitorio o a Palazzo Madama discutere animatamente sull’argomento:

A: “Ok cittadini, Grillo e Casaleggio ci lasciano se appoggiamo il piddimenoelle. Ma come molti sui nostri blog ci fanno notare un governo di scopo sarebbe un’occasione irripetibile!”

B:“Ma che si fottano quei venduti al sistema! Restiamo fedeli a noi stessi, quelli che scrivono sono solo infiltrati, l’ho letto su un blog. C’era un link, ma non l’ho aperto… Ma conosco il tipo. Sicuramente è vero!”

C: “Ma anche te leggi sul blog di Tizio? Hai visto delle scie chimiche? Sempre colpa della Casta sai. Ha ragione Grillo, mandiamo tutto in malora e ricostruiamo l’Italia dalle macerie!”

A: “Calma ragazzi, calma… Sappiamo che noi qua siamo solo impiegati dei nostri elettori, quindi dovremmo consultare la base… Magari con un referendum online! Che ne dite?”

B: “Ma Grillo ha detto che lui non lo farà mai!”

A: “Vabbè ma noi siamo un Movimento dove uno vale uno! Possiamo farlo da soli”

C: “Ma se lo facciamo e vince il si? Dovremmo appoggiare un Governo Bersani!”

A: “Si certo, però potremo mandarlo a casa quando vogliamo! Occasione unica!”

C: “Ma allora perderemmo Grillo e Casaleggio. Se ci toglie il supporto internet, dove lo facciamo il referendum?”

A: “Azz, è vero…”

B: “Ve lo ripeto, non siamo qua per governare, ma solo per distruggere il sistema! Niente referendum e niente appoggio. Teniamoci Grillo e Casaleggio!!”

C: “Beh forse hai ragione. Loro sanno dove andare a parare e magari dal suo blog Beppe ha anche il polso della base senza bisogno di un referendum”

A: “Vabbè ho capito…”

E cosi sprecheranno la più grande occasione riformatrice dell’intera storia repubblicana. Senza consultarsi manco a casa, usare il cinquanta/cinquanta o chiedendo al pubblico. Sbaglieranno, falliremo questa occasione storica e tutto perché quei due vogliono un governo tutto loro con il 25% dei voti!

P.S. Anche se tornassimo a votare a Giugno e Grillo arrivasse al 30% dubito che troverebbe con questa legge elettorale la maggioranza al Senato. Quindi o davvero vuole marciare su Roma oppure è completamente ringrullito.

Ma si sa, uno vale uno. Il problema allora sono quelli che pendono dalle sue labbra!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...