Quando il metodo è sostanza

Candidati5StellePremetto che Milena Gabanelli ha veramente tutta la mia stima. Come giornalista. Quindi la voglio tenere fuori da questo tritacarne. E spero vivamente se ne faccia fuori anche lei, come fece il grande Montanelli quando rifiutò il seggio da Senatore a Vita “perché il giornalismo resti indipendente dalla politica”.

Non sarei certo stupito di vedere un giornalista in politica, ce ne sono talmente tanti che potrebbero fare un gruppo parlamentare a se stante. Senza fare generalizzazioni (d’altronde c’è chi ha scelto la politica come carriera e chi invece c’è arrivato per premio alla fedeltà) in base alla professione, mi vengono seri dubbi sulle modalità di scelta del Movimento 5 Stelle.

Tra i dieci candidati al secondo turno vi erano due politici (Prodi e Bonino), quattro tra magistrati e giuristi (Rodotà, Imposimato, Zagrebelsky e Caselli), un premio Nobel (Fo), un medico-filantropo (Strada), una giornalista (Gabanelli) e un comico-politico (Grillo). Senza contare i primi due, gli altri hanno collezionato insieme una decina di legislature tra Camera, Senato e Parlamento Europeo. Inoltre nella “lista” sono finiti esponenti non proprio amati dal Movimento, come i giornalisti.

Sempre senza considerare l’atavico odio verso i politici di carriera.

Eppure la base, dopo il clamoroso attacco hacker, ha scelto di affidarsi per 6/10 a persone delle istituzioni, includendo anche Prodi e Bonino.

Questo esperimento di eugenetica politica è stato condotto con, più o meno, un bacino potenziale di 50.000 votanti, senza avere dati certi di affluenza o di preferenze raccolte e, cosa assai più grave, senza l’anonimato garantito. Infatti, dovendosi loginare con il proprio account registrato (e certificato), si può essere facilmente seguiti e “spiati” nella votazione. Per di più in un sito che è stato violato da hacker proprio durante le votazioni.

m5s__quirinarie_colpite_da_attacco_hacker_8301Insomma per un Movimento che ha raccolto otto milioni di voti alle elezioni vere, ridursi a scegliere il proprio candidato in (al massimo) cinquantamila mi pare leggermente riduttivo (un rapporto di 160 a 1) rispetto a chi come il PD sceglie i suoi candidati con primarie da tre milioni di partecipanti (prendendo più o meno gli stessi voti poi alle elezioni, ma con un rapporto di 8 a 3).

Soprattutto mi pare arrogante l’idea di dover imporre questa scelta, che ripeto è fatta praticamente dalla popolazione di un quartiere di Firenze, a tutte le altre forze politiche e a tutta l’Italia. Soprattutto in un caso, l’elezione del Presidente della Repubblica, che dovrebbe richiedere una larga convergenza sempre.

Che poi al Quirinale in questo momento ci vada una giornalista, un premio Nobel, un giurista o un medico poco importa. Importa che chi ci va deve avere le capacità per dirigere una baracca come l’Italia da un luogo dove il potere te lo devi inventare. Quindi perché non un Rodotà o uno Zagrebelsky? Siamo sicuri che non si troverebbe una convergenza su uno di loro?

E poi Grillo dice a Bersani “vota il nostro candidato e poi chissà…”

Chissà un cazzo Beppe. Noi non ci facciamo dettare l’agenda da te o dai tuoi 50.000 smanettoni online, noi cerchiamo una soluzione condivisa da tutti gli italiani. Come ti abbiamo proposto per il Governo, cosa che se ben ricordo ti sei ben guardato dal sottoporre alla tua base.

Forse c’avevi visto lungo, d’altronde se nei dieci c’è finito Prodi, magari ti imponevano ti sostenere un Governo Bersani. Meglio non rischiare, hai ragione.

Dai retta: te l’abbiam messo nel cacapranzi alla Camera e al Senato, preparati anche per il Qurinale. Poi chissà…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...