Malati di berlusconismo

Berlusconi decadenza da senatoreLa vicenda della decadenza di Berlusconi dal Senato dimostra come le nostre menti siano totalmente assuefatte dalla logica berlusconiana che ha dominato la scena politica degli ultimi vent’anni.

Premetto che tutto l’azzeccagarbuglismo sulla procedura da seguire mi lascia esterrefatto: un colpevole in via definitiva non dovrebbe sedere in Parlamento dal secondo dopo la lettura della sentenza di Cassazione, ma noi viviamo nel paese che ha avuto bisogno di una legge apposita, la Severino, per decretare l’incandidabilità dei passati in giudicato, quindi non mi devo stupire di niente. In altri paesi le carriere politiche si fermano per una tesi di dottorato copiata, qua stiamo a discutere se un evasore fiscale possa ancora sedere in Senato.

Si, in Italia ci si aggrappa ad ogni appiglio procedurale o sostanziale prima di arrendersi all’evidenza, quindi il sistema deve sempre rincorrere per poter garantire una qualche misura di giustizia, basti pensare all’assurdità per cui il Senatore Berlusconi dovrebbe godere di un quarto grado di giudizio (il voto elettorale), mentre il normale cittadino no.

Ma al di là della mia posizione personale, cioè che questo cancro della democrazia vada estirpato in ogni modo, voto palese incluso, c’è da notare che, come un vero tumore, la presenza di Berlusconi sulla scena ha “de facto” cambiato in maniera profonda la nostra repubblica ed ha generato altri mostri, come se fosse in metastasi.

Perché uso queste metafore cosi forti? Perché proprio come un tumore per combatterlo ci siamo trovati a dover indebolire la nostra stessa democrazia, usando degli antitumorali potenti come, ad esempio, cambiare il regolamento del Senato sul voto segreto. Così abbiamo applicato un modus operandi prettamente berlusconiano, cioè la legge ad personam.

In vent’anni i governi Berlusconi hanno varato almeno diciassette leggi ad personam o ad aziendam (depenalizzazione falso in bilancio, lodi Schifani e Alfano, leggi Cirelli, salva-rete4, rogatorie, Gasparri, ex-Cirielli, Pecorella e Tremonti-bis, decreti salva-calcio, anticrisi e incentivi, un condono edilizio ed uno fiscale, l’incentivo per il decoder ed il riordino della previdenza…), in più ha creato (special thanks to Calderoli) il Porcellum, la legge elettorale per evitare di perdere le elezioni.

Dopo tutto questo penso sia cambiato il modo con cui chi guarda la politica italiana percepisce il funzionamento della macchina: se prima c’erano i grandi gruppi industriali, bancari ed assicurativi che oliavano gli ingranaggi per ottenere favori, appalti e leggi amiche, nei vent’anni appena passati è stato un capo-azienda a distribuire regali agli amici per garantirsi sostegno e favore con il solo scopo di votarsi leggi apposite per evitare le condanne definitive.

L’idea che le cose, tutte le cose, si possano cambiare è entrata nella nostra testa, senza chiedere il permesso. Ci siamo trovati a dover pensare che il falso in bilancio sia solo un reato amministrativo, che si possano cambiare le leggi sulla giustizia con decreti estemporanei, che la legge elettorale si cambi a 3 mesi dalle elezioni; ci siamo abituati a pensare a corto raggio.

Oggi s’è visto il risultato, bello, eccezionale, ma che è arrivato grazie ad una forzatura evidente del principio di segretezza presente nel regolamento del Senato. Il voto segreto sulle persone è una prassi che riguarda tutti gli organi pubblici, dai consigli comunali al Parlamento e solo per questo signore s’è pensato di dover palesare il voto.

Ripeto, va bene cosi, ma dobbiamo renderci conto dello sbandamento che stiamo attraversando e riprendere il nostro normale cammino democratico fatto di regole e prassi, regolamenti e garanzie. Che valgono per tutti, senza eccezioni o casi speciali.

In più il tumore Berlusconi ha generato i mostri dei grillini: questi pazzi pensano di stare in Parlamento a fare la conta e per loro il voto palese è una conquista di civiltà, cosi Grillo non avrà più problemi a controllare i suoi (purtroppo pochi) dissidenti. Se almeno uno di loro sapesse perché esiste il voto segreto sulle questioni personali mi meraviglierei, ma credo che nella loro testa ci sia solo voto segreto=inciucio=salvacondotto per Silvio. Aiutiamoli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...