Paradossi Italiani

pipeNel Bel Paese si sa che i paradossi sono la regola e non l’eccezione, ma è sorprendente vedere come nonostante questa coscienza del problema non si riesca a risolvere definitivamente la cosa.

Parlando con le persone si percepisce come gli stereotipi siano sempre i soliti e queste allegorie dei problemi italiani finiscano per essere realmente sentiti come l’unico problema presente nel paese, quando al contrario sono solo la punta di un iceberg molto più grande e molto più difficile da affondare perché, in fondo in fondo, ci siamo tutti dentro. È facile pensare che il problema dell’Italia sia solo il costo della politica, il potere spropositato dei sindacati o il fancazzismo leggendario dei dipendenti pubblici, quando invece il virus è dentro tutte le nostre vite e dentro ogni piccolo gesto quotidiano.

Prendiamo ad esempio il Caso Stamina. Da un lato c’è una serie di famiglie disperate per una malattia che porterà i figli alla morte, dall’altro c’è un santone che cerca di vendere speranza ai genitori disperati e nel mezzo si trova il Sistema Sanitario Nazionale che dovrebbe assicurare sia la speranza ai primi, sia di non sprecare i soldi pubblici per qualcosa privo di ogni fondamento scientifico provato.

Gli stessi che vanno in piazza a protestare contro il Ministro Lorenzin ed l’Istituto Superiore di Sanità, a favore del Vannoni e del suo “metodo”, protestano contro gli sprechi del pubblico, contro la classe politica colpevole di non avere strumenti tecnici per poter dare giudizi e prendere decisioni su materie altamente specialistiche e quindi contro lo spreco di denari pubblici per sostenere decisioni prive di fondamenta tecnicamente valide.

Ma è proprio questo il paradosso italiano più grande. Il credere che il giudizio tecnico più giusto sia sempre il proprio. A prescindere dalle proprie competenze, cosa che usualmente rende attendibile un giudizio o una decisione!

Se poi ci aggiungiamo, come nel caso Stamina, la valanga di sciacalli mediatici (Iene di nome e di fatto) pronta ad usare la disperazione di intere famiglie come blockbuster da prima serata abbiamo una ricetta perfetta per ottenere una situazione molto difficile da gestire, dove solo una oculata linea politica può essere quella giusta.

Ma il paradosso italiano colpisce ancora e sono convinto che solo in Italia la magistratura possa intervenire (senza conoscenze scientifiche) per riaprire una sperimentazione dichiarata inutile, pericolosa e altamente costosa dall’organo tecnico-scientifico del ministero. Solo in Italia le vie del paradosso sono infinite. E non mi stupirei se dei mobilieri proponessero i militari al Governo. Ah già, anche questo sta succedendo. Ma siamo in Italia. E quindi tutto va bene, tutto fa paradosso!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...