Priority Report

C’è nel mio partito, il PD, un’anima profondamente masochistica a cui piace restare nel limbo di sofferenza in cui ci troviamo da quasi un anno. C’è una quota di minoranza congressuale che si identifica con un Governo di mini-larghe-intese piuttosto che con un progetto di grandi riforme epocali. C’è questa parte di partito che ritiene assurdo ragionare di riforma elettorale con Berlusconi, quando però ha sostenuto un Governo che doveva cambiare la Costituzione di questo paese.

Certo, il fatto che Silvietto bello sia un condannato pregiudicato è un fattore simbolicamente molto impattante sull’elettorato di sinistra; incontrarlo come leader della destra e di Forza Italia può voler dire un suo riconoscimento politico, ma vivere nell’illusione che, fuori o dentro il Senato che stia, non conti più niente è veramente illusorio e mistificatorio della realtà. Dobbiamo partire da questa considerazione e capire che anche se l’incontro si facesse con Verdini, Toti o Brunetta le decisioni le prenderebbe Berlusconi, quindi, esattamente come quando è nato l’esecutivo Letta, si deve ingoiare il boccone amaro e farlo nel modo più veloce possibile.

È questione di priorità politiche e reali, che in questo caso si incrociano; da un lato si rischia di logorare un Governo ormai allo sbando sotto le “gaffe” dei suoi ministri, dall’altro si può aprire una stagione nuova con una legge elettorale più giusta e più equa che dia finalmente a questo paese un Governo sia stabile che coeso politicamente.

Altrimenti si resterà inchiodati per sempre in questa situazione paludosa e viscida in cui davvero non si vede più distinzione tra una destra ed una sinistra, in cui diventa facile fare “di tutta l’erba un fascio” ed in cui, a lungo andare, sarà sempre più difficile togliere le gambe.

Se davvero si pensa che con Berlusconi non si doveva avere niente a che fare, forse si doveva pensare meglio le mosse iniziali di questa legislatura e non andare a stracciarsi le vesti perchè ora si rischia di far cadere il Governo facendo la legge elettorale che dal 2006 andava fatta!!!

Pensiamo anche che tutto questo lo faremmo nel nome di Alfano!! Cioè, io dico… Alfano!!!

Let’s think about that!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...