La politica dello Slogan

A me tutto questo clamore intorno alle cinque capolista donne del PD non piace per niente. Non mi piace che gli esclusi ne abbiano fatto una questione di orgoglio e non mi piace che Renzi ne abbia fatto uno slogan elettorale.

D’altra parte è risaputo che alle Elezioni Europee ci sono le preferenze (questa mostruosità!) e che quindi stare in cima o in fondo alla lista conta il giusto, ma mettere cinque bravissime e degnissime candidate (forse sulla Picerno esagero un po’) in cima alle circoscrizioni poteva essere una specie di risarcimento per la non approvazione della norma sulla parità di genere nell’Italicum. Peccato che nella legge nazionale, con le liste bloccate, abbia senso parlare di alternanza dei capolista e di percentuali, visto che di solito passa solo il primo o al massimo i primi due di ogni collegio, mentre con le preferenze tutto questo perde totalmente di senso!

Allora mi chiedo perché non siano state fatte consultazioni dal basso sui candidati? O meglio, senza parlare di primarie (soluzione più ovvia) perché le indicazioni date dalle Unioni Regionali del Partito sono state stravolte dal Segretario con un atto d’imperio? Siamo già a questo livello di leaderismo esasperato? Abbiamo bisogno delle illusioni di Renzi per poter strappare qualche voto? O forse non sarebbe meglio lasciar perdere la politica degli slogan e concentrarsi sul programma del PSE (qua il manifesto in 10 punti) per cercare di convincere davvero gli italiani della bontà della nostra proposta politica.

Ma come purtroppo si è capito già da tempo, Renzi premier e Renzi segretario sono vincenti finché fanno e fanno velocemente. L’idea di velocità, quasi futurista, è il fulcro della politica renziana, solo che, come dico sempre, certe volte è meglio fare bene un po’ più lentamente, che fare male velocemente. In quest’ottica la proposta europea del PD ad oggi è ancora oscura ai più, impegnati solamente a ragionare delle 5 donzelle candidate e dei maldipancia di chi improvvisamente da numero 1 si è trovato numero 2. Senza che cambiasse nulla di concreto.

Che sia tutta una tattica fumogena per non affrontare i veri temi della campagna europea? Mah.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...