CL: Costruzione e Lobbizzazione

Se c’è un appuntamento annuale che odio è il meeting di CL di Rimini. Principalmente odio questa kermesse perché non sopporto niente che riguardi Comunione e Liberazione e perché la ritengo una delle peggiori creature della commistione tra politica, affari e religione che l’Italia ha creato. Quest’anno, dopo aver perso ogni riferimento diretto nel Governo (Mauro con Letta e Lupi con Renzi), i ciellini sono andati direttamente a bussare al Presidente del Consiglio e hanno invitato, oggi, pure un esponente del M5S.

CL non è un partito, né una fondazione, ma un movimento ecclesiale che nel corso di 60 anni si è infiltrato in molte nicchie di potere politico, sociale ed economico. Ha formato e plasmato politici importanti sia durante la Prima Repubblica sia nella Seconda e li ha posti nei posti dove giravano montagne di soldi e in quelli dove questo denaro, pubblico, veniva gestito. Di fatto CL, tramite le sue mille ramificazioni, ha costruito un potere parallelo a quello dello Stato, ma rendendosi indispensabile ad ogni forza politica mirasse ad andare al Governo.

Se questo potere parallelo nella Prima Repubblica aveva il suo corrispettivo partitico nella Democrazia Cristiana, dopo la sua dissoluzione, la galassia ciellina si è trovata divisa nell’appoggiare vari partiti o singoli candidati. Ma da bravissimi acrobati i seguaci di Don Giussani hanno trasformato la difficoltà in un’opportunità, mettendosi sul mercato e provando, di volta in volta, ad ottenere il sostegno del politico rampante di turno. D’altronde, se si guarda oltre la copertina religiosa, CL è solo una potentissima lobby di potere e le lobbies, è noto, hanno come unico obiettivo quello di dirottare la politica verso i loro interessi particolari e non verso il bene comune.

Come dicevo al Meeting di quest’anno è passato prima Renzi, che ha ottenuto anche commenti di tiepida apertura (“Un PD così potremmo anche votarlo”) e poi un esponente del Movimento 5 Stelle, Fantinati, che nei suoi 10 minuti ha sparato a zero su CL senza risparmiarsi niente e senza mostrare nessun tipo di timore nel spiattellare in faccia alla platea rumoreggiante ogni zozzeria commessa dal loro movimento. Nel suo intervento, Fantinati, alterna attacchi frontali a CL ad altri di esaltazione del suo M5S, ma tralasciando questi, forse non comprende che il suo invito è stato solo un tentativo di sondare il “sentiment” grillino sul mondo di CL in previsione di una possibile vittoria elettorale dei pentastellati.

CL non è certamente un “partner” ideale per i grillini, ma dal punto di vista affaristico i ciellini dovranno provare a infilarsi anche nel Movimento, nel caso questo diventasse forza di Governo e potesse togliere (speriamo) appalti, favori e appoggi alle varie attività di CL. Il primo incontro è stato sicuramente duro e spero che sempre più persone capiscano la schifezza che questi loschi figuri portano avanti nel nome del Dio che molti italiani pregano.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...