Paradosso Spazio-Temporale

Proprio ieri a pranzo parlavo con mia mamma del Sistema Pensionistico e della sua riforma che, ahinoi, non porta benefici a nessuno. Ed oggi leggo sui giornali che lo stesso Presidente INPS Boeri rilancia la bomba sulla mia generazione affermando che “i trentenni di oggi andranno in pensione a 75 anni con un assegno inferiore del 25%“. A questo poi ci aggiungo pure l’articolo del fumettista, mio famoso coetaneo, ZeroCalcare che evidenzia come la nostra generazione sia tagliata fuori da tutto e mi chiedo come si possa immaginare un futuro basato su questi presupposti.

Il problema pensionistico si scompone in due piani distinti: da un lato si parla di conti e di far quadrare le cifre del sistema, dall’altro si dovrebbe cercare di conciliare anche l’idea di vita felice con quella di vita lavorativa produttiva e soddisfacente.

Per il primo aspetto le radici del male sono note e non si dice niente di nuovo nel ripetere che l’aumento dell’aspettativa di vita e il conseguente aumento di pensioni attuali che vengono foraggiate dal lavoro delle generazioni “attive” vanno a rendere necessario l’aumento dell’età pensionabile e quindi fanno scivolare sempre più in avanti l’età in cui avviene il turnover all’interno del mondo del lavoro. Senza considerare che le pensioni di oggi sono state calcolate con il sistema retributivo e non con quello contributivo che verrà applicato da adesso in avanti.

Ed è già per questo cambio che la generazione “di mezzo”, quella rimasta a metà del guado per intendersi, si sente tradita e privata di un diritto che pensava avere garantito. Loro guardano la generazione dei loro genitori e vedono persone con il posto fisso, che lavoravano 40 anni (tralascio le baby pensioni) e andavano in pensione spesso prima di arrivare a 60 anni con un assegno proporzionale all’ultimo stipendio e quindi vedevano una situazione quasi idilliaca da raggiungere. Noi però vediamo sia quella situazione, quella dei nostri nonni, sia la loro e non riusciamo a far capire ai nostri genitori come la loro posizione sia già adesso un miraggio per noi trentenni di adesso! Viviamo nel precariato più completo e questo rende anche il sistema contributivo una macelleria sociale, non abbiamo prospettive e sappiamo che il nostro orizzonte temporale per la pensione non potrà essere che la vecchiaia, cioè i 70 anni.

Ecco il motivo per cui credo che sia fondamentale che il secondo aspetto, quello più umano del discorso pensionistico, venga rimesso al centro della discussione. I nostri genitori dovrebbero essere coscienti che la loro rigidità nel voler mantenere i diritti dei loro padri costi quel che costi verrà pagata dai loro figli e così sempre andrà in un sistema che è basato sul famoso patto intergenerazionale

Purtroppo il sistema delle pensioni viene sempre e solo visto come un discorso di equilibri di bilancio e di compensazioni tra blocchi sociali, senza considerare la pressione che certi blocchi (pensionati, lavoratori indeterminati) riescono a esercitare sulla politica. I sindacati escludono o non vengono considerati dai giovani e dai precari, così lentamente si sono trovati ad essere solo i guardiani di uno status quo che non è giusto per le generazioni che, come la mia, ancora deve dare tanto. Non siamo noi trentenni ad aver rotto il patto tra generazioni, ma sono i nostri padri ad aver voluto guardare ai nostri nonni invece che a noi. Solo provando a ribaltare questo paradigma si può, forse, iniziare a ragionare davvero di un nuovo sistema pensionistico più giusto e più equo.

Altrimenti prepariamoci a lavorare fino alla tomba che forse ci conviene!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...