Le vittorie degli altri

sadiq-khanLondra avrà il primo Sindaco musulmano, migrante di prima generazione di origine pachistana della storia. E di tutta Europa. E ‘sti cazzi direte voi! Sono d’accordo. In effetti se non ci riesce una città così multiculturale, multietnica e aperta come la capitale inglese, chi dovrebbe riuscirci?!? Roma? Dai su, non scherziamo.

Che poi sembra che Sadiq Khan abbia vinto l’elezione grazie al suo essere musulmano e pachistano, quando in realtà ha vinto perché laburista e socialdemocratico. Forse la combinazione giusta per poter strappare Londra e la sua City iperfinanziaria dalle mani dei Tories. Londra non è Roma, non è Parigi, non è Berlino e non è Madrid. Londra è un qualcosa a sé stante in cui si diventa Sindaco facendo campagna elettorale tra i suoi abitanti, tra le sue banche e tra i suoi potenti e non tra i suoi certificati di nascita. Probabilmente solo questo ha aiutato Khan: la “vicinanza” tra il suo essere immigrato e la moltitudine di residenti non inglesi della Capitale del Regno Unito.

Oggi in Italia siamo tutti felici che un musulmano pachistano sia diventato Sindaco di Londra, ma perché non lottiamo per cambiare quelle assurde leggi che, da noi, impediscono anche ai figli dei migranti di poter votare alle amministrative? Forse abbiamo paura di un rumeno Sindaco di Roma o di un cinese Sindaco di Prato? Come al solito siamo tanto contenti delle vittorie degli altri, quando stanno a casa loro. Se me lo chiedete, sono logicamente entusiasta per il significato di tolleranza e apertura di questa vittoria di Khan, anche se non condivido molto la sua posizione politica dentro il Labour Party (è l’antitesi di Corbyn, cosa che molti ignorano a quanto pare…), ma non mi accontento di festeggiare il primo Sindaco di Londra musulmano, quando nel mio paese un residente regolare non può neanche esprimere la sua idea sull’amministrazione comunale.

Prendiamo quindi la bella favola del migrante che diventa Sindaco e portiamola anche in Italia. Aboliamo le nostre folli leggi sul voto amministrativo e mettiamoci finalmente al passo di quei paesi con cui poi riempiamo le nostre bacheche Facebook!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...