A casa. Loro.

19731846_781866485316631_6922917912625467678_nAvrei tanto da dire sulla slide pubblicata e poi rimossa dal PD Nazionale riguardo alle politiche migratorie, ma non dirò poi molto. In fondo quel passaggio, bollato come “errore di comunicazione” è pur sempre tratto dal libro Avanti, scritto proprio dal segretario PD Matteo Renzi. Due sono le possibilità in realtà: o il PD a trazione renziana è seriamente diventato un partito di destra o lo stesso ha deciso di “scimmiottare” la destra per inseguire la pancia della gente. In ogni caso la sostanza cambia poco in quanto un partito, teoricamente di centrosinistra, assume su di sé temi e argomenti profondamente di destra. Di una destra bieca, becera e razzista.

Purtroppo non capiamo, noi che dal PD siamo venuti via molto tempo fa, come si possa ancora pensare che quel partito possa contenere semi di una futura sinistra, dato che non c’è giorno che passi senza uno spostamento verso il centro e verso la destra. Tanta gente per bene, onesta e sinceramente legata a ideali progressisti che seguono un pifferaio magico nella speranza di vincere una qualche elezione; vincere che vorrebbe comunque dire vincere proponendo politiche di destra. Il tutto come se questo fosse normale.

Renzi parla, tra l’altro, di “non avere un dovere morale di accogliere chi sta peggio”. Aberrante pensare che questa possa essere la dichiarazione di un segretario politico di un partito progressista. Ignobile far credere che il nostro stile di vita non abbia influenza sulle migrazioni, folle sbandierare un impegno “a casa loro” quando, in realtà, quello che mandiamo in quelle zone sono armamenti e bombe. Certo, è assurda e codarda anche la posizione europea che lascia soli i paesi più esposti come l’Italia e la Grecia o quelle, come del “Compagno Macron” che distingue tra migranti economici e rifugiati (come se chi scappa per la fame non venisse influenzato dalle guerre e viceversa). E assurdo è anche il non considerare l’appello di Tito Boeri che quantifica chiaramente in svariati miliardi di euro il buco che si verrebbe a creare con la chiusura dei flussi migratori. Insomma è completamente fuori da ogni logica, che non sia populista, il discorso del PD. Eppure, cosa non da poco, quel passaggio sta scritto, lapidario, in un libro, quindi deve esser stato pensato e soppesato bene.

Questo è il motivo per cui chi vota e sostiene il PD dovrebbe capire che non si tratta di un errore di uno stagista che ha travisato o ha sbagliato parole. No. Si tratta di una precisa scelta politica che sposta, ancora di più, il baricentro del PD e dell’intero dibattito politico nazionale, a destra. Quindi che fate? Fate la fine della rana bollita per trovarvi ad essere iscritti, militanti e dirigenti di un partito di destra? Oppure ne venite fuori e venite a fare la sinistra per davvero?

Fate voi, ma se siete di sinistra, venite a darci una mano per mandarli a casa. Loro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...