Chi sono

berlino_27-290615_0283Nato nel 1984 (anno da associare al Grande Fratello di Orwell) a pochi passi da Firenze e cresciuto tra nonni e genitori in quel di Rignano sull’Arno.

Frequento il Liceo Balducci di Pontassieve dove inizio ad appassionarmi all’impegno politico e sociale attraverso varie attività, mi diplomo con il massimo e poi mi butto sulla chimica farmaceutica.

Così, tanto per vedere se la lobby di Big Pharma mi avrebbe procurato da mangiare!

Gli anni universitari fiorentini sono pieni e ricchi di impegni e tra un esame e un altro mi impegno in prima persona per i referendum del 2005 sulla procreazione assistita. Il mancato raggiungimento del quorum mi spinge a impegnarmi direttamente anche dentro i partiti, così prendo la mia prima tessera, quella della Sinistra Giovanile e i DS.

Nel 2006 parto per l’Erasmus in Grecia, un’esperienza che mi porterò dietro con grande affetto per sempre e che mi ha spalancato la mente sul nostro orizzonte europeo. Nel 2007, ormai oltre metà del percorso universitario, vengo candidato in Consiglio Comunale come indipendente “area DS” per la mia contrarietà alla nascita del PD.

Fuori dal partito mi cerco da solo le preferenze per entrare in Consiglio. E ci riesco. La prima esperienza consiliare mi insegna tanto, anche grazie ai vari ruoli che vado a ricoprire nel corso dei cinque anni: capogruppo, presidente di commissione e presidente del Consiglio.

L’esperienza fallimentare del Governo Prodi e il ritorno di Berlusconi mi convince sempre più della necessità di una svolta verso una nuova politica e una nuova idea di Sinistra. Non guardo dentro al PD, anche se l’arrivo sulla scena di Ignazio Marino mi rende un po’ di speranza anche in quella parte politica. Nel 2009 mi laureo in CTF e decido, con ostinazione, di voler proseguire gli studi con un dottorato, che inizierò nel 2011 a Ferrara. Nel frattempo mi riavvicino molto al PD grazie alle nuove figure che emergono dalla sinistra del partito, come Civati e Marino, ma anche Bersani e Cuperlo.

Nel 2012, anche se sono a metà del mio dottorato a Ferrara, vengo ricandidato in Consiglio e risulto il primo dei non eletti. Poco male visto che a Gennaio 2013 parto per la Francia dove trascorro tutto l’anno presso l’École nationale supérieure de chimie de Montpellier. Esperienza, come quella in Grecia, fantastica sia dal punto di vista personale che professionale. Al mio ritorno discuto la tesi di dottorato e rientro in Consiglio Comunale.

Riprendo così la mia attività consiliare, prima come presidente della commissione sport, cultura e sociale e poi di quella bilancio e affari generali. A livello nazionale, invece, vedo le cose precipitare a causa dell’irruzione del mio compaesano Renzi sulla scena.

Le elezioni “non vinte” da Bersani, le larghe (diventate lunghe) intese, i centouno, l’inseguimento del consenso ad ogni costo e la sequenza di scelte aberranti da parte di Renzi e del PD (SbloccaItalia, Jobs Act, Buona Scuola, Riforma Costituzionale) mi fanno vedere quanto quel partito non sia (forse mai stato) il mio. E cosi me ne vado.

Direzione Possibile.

Dalla nascita di Possibile (2015), aderisco subito a questa piccola formazione accusata di settarismo e radicalchicchismo, ma non mi curo di niente e credo fermamente nel progetto di una nuova Sinistra che arrivi unita, competente, combattiva e propositiva alle elezioni del 2018. Numerose battaglie ci tengono uniti in questi anni e culminano nel referendum costituzionale del 4 Dicembre 2016, che respinge la riforma Renzi-Boschi e pone fine al TurboGovernoRenzi.

Il 2017 è poi nuovamente anno di elezioni amministrative, oltre che di preparazione per le politiche: una lista di sinistra di Rignano mi chiede di candidarmi a Sindaco, così accetto senza centrare l’obiettivo, ma rientrando ancora in Consiglio, stavolta in minoranza.

Nel frattempo prendo anche la tessera di Diem25 e studio tanto, leggo e mi informo. Perché solo con un lungo lavoro culturale si può creare qualcosa di nuovo.

Lavorativamente sono un precario della ricerca (CNR), dove vado avanti con assegni di ricerca di anno in anno. Ma la scienza è la mia passione e la mia vita, infatti ne scrivo anche su Il Becco in una rubrica dalla cadenza non prestabilita!

Le battaglie continuano colpo su colpo, tema su tema e con il tempo che passa mi accorgo di una grande mancanza di conoscenza che sta diventando la vera malattia cronica del nostro paese e del mondo intero. Si parla senza avere niente in mano, così tanto per sentito dire e questo, per me che sono uno scienziato, non è comprensibile, né giustificabile.

Così ecco che nasce l’esigenza di allargare l’orizzonte di questo Blog e renderlo una piattaforma di contenuti vari e non solo politici. In fondo la politica è la summa di tutto, ma non potrebbe esistere senza tutto il resto!

P.S. Si, quello sono io con un paio di amici. io e Karl siamo molto legati.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...